Altro

Il bacio al lavoro sarebbe sessista?

Favole e stereotipi di genere_Al lavoro dentro e fuori_CD Rom (Gennaio 2019).

Anonim

Qualche tempo fa, abbiamo parlato del dibattito intorno alla scrittura compreso. Lanciato da Eliane Viennot , il dibattito si era svolto anche all'interno dell'Académie française. Oggi si apre un'altra discussione sul sessismo ordinario: il bacio. È Aude Picard-Wolff , sindaco del comune di Maurette, che ha deciso che si sarebbe fermata per baciare i suoi colleghi. Perché? Spiega al parigino : "Il rituale della bise mi pesa e mi infastidisce. Oggi, è un gesto che è diventato sistematico e che non significa nulla. anche il rischio di trasmettere virus, specialmente nel periodo dell'influenza, che diventa insopportabile. " Per porre fine a questa pesante e riduttiva abitudine per Aude Picard-Wolff , quest'ultimo decise di manda una e-mail agli altri 73 eletti Saint-Marcelin Vercors informandoli che dal 1 ° gennaio 2018 non si sarebbe più baciata per salutare. Aude Picard-Wolff spiegò persino a Parigino che era arrivata a un punto tale da irritarsi baciandola, che quando aveva il raffreddore, era sollevata di essere liberata da questo lavoro. Proprio quello! D'ora in poi, basta un semplice "ciao" o una stretta di mano per salutare Aude Picard-Wolff. Il bacio, lei lo riserva ai suoi parenti.

Caricamento in corso …

tramite GIPHY

L'idea: essere in grado di comportarsi da pari a pari a lavoro

"Perché noi donne dovremmo baciare, mentre gli uomini no no? " chiede. È vero che alla fine, se gli uomini si stringono la mano, baciano le donne. Ma perché? Una semplice stretta di mano sarebbe sufficiente per salutare una donna, soprattutto al lavoro. Salutare tutti allo stesso modo, sarebbe l'inizio di una nuova lotta contro il sessismo ordinario? Probabilmente. Perché Aude Picard-Wolff non è l'unico a esprimere il suo punto di vista sul bacio al lavoro. Quando Romy Duem-Verdière , residente a Parigi, fu assunto in una nuova compagnia, le presentazioni alle squadre gli hanno fatto guadagnare un bacio. Si deve ritenere che si tratti di un codice sociale ampiamente utilizzato sul posto di lavoro. Ma la giovane donna non ha esitato a condividere il suo punto di vista su questo inviando una e-mail informativa ai suoi colleghi: non avrebbe dato loro un bacio ogni mattina. Le reazioni sono state piuttosto contrastanti. Secondo quello che dice sul suo blog: "All'inizio le persone non ti conoscono e rispettano questa distanza, e chi dichiara:" Adesso è bello, ci conosciamo! " e tu schiaffi il vento, senza preoccuparti un attimo della tua preferenza … " Oggi, il suo capo lo controlla ogni mattina per salutare, una buona alternativa tra la fredda stretta di mano e il bacio, molto spesso considerato intimo.

Il bacio, un gesto troppo intimo per l'ambiente professionale?

Pubblicando questa testimonianza sul suo blog, Romy Duem-Verdière ha fatto reagire molte donne alle loro esperienze. La maggior parte di loro non ha alcun desiderio di baciarsi al lavoro e talvolta è costretta a farlo. La parola si libera da questo gesto inquietante per molti? In ogni caso, se le donne esprimono il loro disagio all'idea di dover baciare sistematicamente i loro colleghi maschi, gli uomini, sembrano un po 'persi e non sanno come devono comportarsi alla fine. Il messaggio sembra comunque chiaro: una semplice stretta di mano o un "ciao" articolata abbastanza a sufficienza per queste signore oppresse dal bacio al lavoro. Nadia Daam lo ha persino riportato su Europa 1 , sollevando anche il dibattito sull'argomento:

Dovremmo baciare l'ufficio per salutare? Nadia Daam (@zappette) ha la sua idea della risposta! # E1Hello foto. twitter. com / nFPU6bzFEl

- Europe 1 (@ Europe1) 19 dicembre 2017

Quindi, il bacio alle colleghe? Una convenzione sociale da vietare? Sembrerebbe che la maggior parte delle donne vorrebbe, in ogni caso, riservare questa abitudine ai propri cari e lontano dall'ufficio.

Vedi anche:

La grammatica è sessista?

Iscriviti alla nostra newsletter di buzz.

Vedi anche: Uomo femminista: questi uomini famosi che difendono i diritti delle donne

© Getty