Maternità

Questo fotografo mette in evidenza i sentimenti "vuoti" dopo aborto spontaneo (foto)

TERZO PIANO - Attratti Super (videoclip ufficiale) (Aprile 2019).

Anonim

Il " Foto progetto vuoto "(" Il progetto fotografico del vuoto "in francese) è il nome scelto da Susana Butterworth per illustrare i sentimenti delle donne che hanno perso un figlio. Attraverso il suo lavoro, la giovane donna di 23 anni vuole che la gente " vedere che la perdita di un figlio è un'esperienza travolgente e spaventoso, ma è possibile superare la ", come ha dichiarato il a HuffPost Regno Unito .

"Perdere mio figlio, Gabriel, è il tipo di dolore che non vorrei mai avere. Non ho avuto un aborto. In realtà volevo mio figlio. Non ho apprezzato la sua corretta terminologia medica. Mi sentivo vuoto il mio corpo era dentro di me ma non stava battendo. Il mio D & C era in programma per la mia giornata. Il mio corpo mi ha fallito. Non lo terrei mai per mano, lo guarderei crescere o sentire la sua voce. Non è mai, tanto, tanto tempo. Camminavo avanti e indietro urlando a Dio. Ho bisogno di risposte ma non ne ho ricevuto nessuno. Non esistevano. Ancora non lo fanno. Non solo mi si spezzò il cuore, ma la mia anima fu schiacciata. Rompere le notizie ad amici e parenti era un nuovo, diverso pane. Mi è stato detto "tutto accade per una ragione" ** inserire il rullamento degli occhi ** Il peggior commento è venuto da un membro della famiglia: "Non sei ancora destinato a essere una madre. Non sei pronto "Allora, qual è il vuoto? Sta vedendo altre donne incinte e le loro piccole vite felici. Sta forzando un sorriso attraverso simpatia indesiderata. È seduto per mangiare e mangiare il tuo appetito. Si sente colpevole ogni volta che crei un sorriso o ridi della battuta di qualcuno. Gabriel ha l'età e si chiede chi sarebbe stato. È sapere che, come madre, non potevo realizzare il mio primo lavoro di proteggere mio figlio. Non mi stava permettendo di nascere con il mio secondo bambino durante la mia gravidanza. Lei ora ha 1 5 anni. Spesso mi sorprendo a chiedermi se lei mette il suo fratello maggiore prima di venire sulla terra. Lui è il suo protettore. Il suo angelo Per questo, sono grato ❤ "

pubblicazione Condiviso da Sue Butterworth (@emptyphotoproject) 10 maggio 2017 alle 15:31 PDT

Se gli Stati Uniti si sente particolarmente preoccupato per la sofferenza di queste madri è che sa meglio di chiunque altro le emozioni a cui questi sono esposti. e perché lei stessa affrontato la perdita di un figlio. a marzo, il fotografo si preoccupa infatti di non sentire il suo figlio muoversi nella sua pancia, soprattutto perché sa che quest'ultima è affetta dalla trisomia 18, una rara malattia genetica che mette in pericolo la sua vita.A 35 settimane di gravidanza, i medici scoprono che il cuore del feto non batte più, Susana deve dare alla luce il suo bambino nato morto, una delle peggiori esperienze che una donna possa affrontare.

"Perdere un figlio è qualcosa di cui nessuno vuole parlare." Ero un po 'più lungo negli anni in cui ho scoperto che stavo per diventare mamma. Ero ancora un ragazzino che cercava di scappare da esso, non ero sicuro di poter gestire il lavoro quotidiano che ero a mia madre. Ma se dovessi tornare alla fine della mia vita, sarei dovuto andare alla fine della mia vita. Mi stavo solo abituando all'idea di essere madre e figlia di mia madre e figlia di mia madre. Che tipo di scelta è? Non volevo prendere questa decisione. Non ero pronto per interpretare Dio e decidere come avrebbe lasciato questo mondo. Ma dovevo andare avanti in qualche modo, e la scelta migliore potevo pensarla il prima possibile e salvarla. Non c'era dubbio nella mente che avrebbe lottato per la vita il prima possibile. Avevo programmato un paio di giorni dopo all'ospedale. Ho dovuto portare mia figlia nella mia pancia per altri 3 giorni. Non posso nemmeno iniziare a descrivere il tipo di pane che ho sentito in quei tre giorni. Sapendo quelli erano le ultime volte che avremmo trascorso insieme come madre e figlia. Era ancora fisicamente attaccata a me, ma non mi ero mai sentito così vuoto in tutta la mia vita. Tempo da trascinare da tutti in una volta. Ero pronto per tutto il mondo. Il giorno finalmente è arrivato ad essere onesti ed è stato onestamente uno sfocato gigantesco. Non ricordo molto del tempo trascorso in ospedale. […] (Continua a leggere nei commenti …)

pubblicazione Condiviso da Sue Butterworth (@emptyphotoproject) 16 Maggio 2017 alle 20:21 PDT

"27 anni dopo la tua breve vita, mi ricordo ancora come se fosse ieri. Ero solo una ragazzina di 24 anni, appena sposata ed entusiasta di darti il ​​benvenuto in un nuovo bambino della tua famiglia. Ti ho chiamato Brittany Dianne. Sei arrivato presto, 23 settimane, senza troppi avvertimenti e Queste sono le volte che hai passato con te, mia dolce Bretagna, sono stati quelli che mi hanno reso la persona e la madre che sono oggi.Tengo una scatola con le tue cose per ricordarmi che mi hai fatto diventare madre. Il tuo piccolo cappellino, impronta di mani e impronte e persino i tuoi capelli sono al sicuro nel tuo libro per bambini. Due immagini sono tutto ciò che tu e quello fai male. Sei collegato alle macchine in quelle immagini. Non posso fare a meno di pensare che tu abbia tanto pane. Vorrei avere delle foto di tuo padre e ti ho tenuto tra le braccia. Sei una baby doll dalle dimensioni perfette, lunga 12 pollici, con caratteristiche perfettamente sagomate. Per anni ho cercato i motivi per cui non sei qui. Ora so che è stato sempre meglio per te. Non sono la stessa persona So che la vita è preziosa e non dovrebbe essere data per scontata. Con ogni triste storia di gravidanza sono nato, so che molte altre cose potrebbero andare storte. Mi sono sentito in colpa e depresso che non potevo aiutarti. La cervice incompetente è la ragione per cui sei arrivato presto quando intendevi la madre incompetente. Ancora non capisco alcune delle ragioni per cui ti ho dato per la tua morte. Commenti dolorosi come se fossi giovane, potresti avere più bambini, e così via … Nessuno di questi ha aiutato a risolvere la mia doglianza. Annotare, pregare e riprovare ha aiutato. Altre due bambine ti hanno seguito, e sono fantastiche. Comunque, tu sei ancora la mia primogenita, Brittany, e un giorno saremo riuniti. So che la riunione sarà il miglior giorno di sempre. (Continua nei commenti …)

Una pubblicazione condivisa da Sue Butterworth (@emptyphotoproject) il 29 giugno 2017 alle 08:59 PDT

Mentre lei ha bisogno più che mai del supporto di la sua famiglia, la madre si rende conto che non si comportano allo stesso modo con lei, " La maggior parte evitava il tema dei bambini, della famiglia o di ciò che accadeva " ricorda. Tuttavia, il fotografo è convinto: " quelli che hanno perso un figlio non possono riprendersi se si sentono soli e non hanno nessuno con cui parlare ". motivo per cui ha creato il progetto " Empty Photo Project ".

"Il 30 giugno è un giorno che non dimenticherò mai, il giorno in cui ho perso una parte di me. Non avrei mai immaginato o pensato che avrei avuto una faccia. Ricordo solo di pensare al giorno in cui sarei stato pronto per andare in chirurgia che speravo che Dio vivesse e fosse sano. Ho capito i fatti e ho lasciato che la realtà affondasse che non potevano essere a posto. Quando sono tornato dall'intervento mi è stato detto che erano critici, ma volevo essere veloce con loro. Non sono riuscito a passare il tempo con loro il primo giorno intero di nascita. Maddox era il gemello più stabile al momento e non sembrava avere alcun problema. Quindi quella notte ero fiducioso e sicuro che lo avrei visto più tardi.Era la prima notte che andavo a letto presto, a mezzanotte sono stato svegliato dalla mia infermiera. All'inizio ero confuso e l'espressione sul suo viso mi fece prendere dal panico. Ha sussurrato: "Mi sto trasportando su una sedia a rotelle all'unità di terapia intensiva neonatale, e sono circondato da tutte queste infermiere, è stato tutto sfocato Poi si sono seduti con me e hanno spiegato che stavano avendo problemi e non potevano allontanarsene. era ancora vivo All'inizio ero troppo scioccato e senza parole non ho dato una risposta, ma quando l'ho visto lì ei numeri sulle macchine stavano calando, mi sono limitato a e pensavo che non mi stesse realmente succedendo. Alle 2: 15 del mattino Maddox Gray Ursua fece il suo ultimo respiro, so che sentì il mio amore fino all'ultimo istante in cui mi sentii arrabbiato con Dio, Perché è successo a me, perché mio figlio, perché la mia famiglia? Mi piacerebbe andare con i loro figli e diventerei così arrabbiato. Avendo un buon tempo e sentendomi dispiaciuto per me, stavo per farmi arrabbiare perché nessuno capiva il mio dolore o la mia rabbia. La pubblicazione è stata condivisa da Sue Butterworth (@emptyphotoproject) il 18 giugno 2017 mi sarebbe stato detto

alle 23:50 PDT

"Vuoto. Perso. Alone. Sterile. Barren. Mi sono ritrovato seduto nelle stanze fredde e impersonali di molti studi medici, dove ho completato le innumerevoli prove e procedure da solo. Tutti gli esami e le pratiche che tentavano di lasciarmi con un fascio di gioia mi hanno lasciato vacillare in agonia fisica. Non avevo nulla da mostrare per i miei sforzi, ma i miei sogni e il mio cuore spezzato. Pieno di scoraggiamento e vergogna, ho iniziato a dubitare del mio corpo difettoso. Di tanto in tanto andavo e aspettavo, circondato da donne con le pance rotonde in crescita. Ogni volta che uscivo a combattere lacrime di disperazione. Lacrime causate dal dolore dei trattamenti o dai sogni schiacciati lasciati da un grembo vuoto. La speranza di adozione di un bambino ha portato una boccata d'aria fresca. Dopo aver camminato per il viaggio della gravidanza, sono stato di nuovo lasciato vuoto. L'adozione cadde sul neonato che avevo chiamato Kylar nel corridoio dell'ospedale. Il bambino di cui ero innamorato così profondamente non avrebbe mai conosciuto il mio amore per lui. Sono inciampato via rotto e ancora molto sterile. L'infertilità e il dolore sono andati alla massa discutibile e al dolore estremo riscontrato nel ricevente di un'isterectomia. Nessun avvertimento, solo un'altra procedura da sogno sconvolgente. Questo ha concluso tutte le mie speranze che il mio miracolo sarebbe mai venuto. Le mie domande e i miei dubbi sono cresciuti. Ora mi sono scoperto a dubitare di avere valore come donna.Sarei una donna "vera"? Potrei mai essere una madre "vera"? Sono abbastanza? Sarò visto come un guscio debole, rotto e vuoto? Ora che sono "per sempre sterili. Ho sentito in questo modo fino a che arrendersi completamente Chiamata a mio Signore. Questo è ancora la lotta mi trovo di fronte, punterò continua a cedere tutti i giorni." Dopo tutta la mia forza è andato. In te, posso essere forte. Ti guardo. E quando le melodie sono finite. In te, sento una canzone. "(I Look to You di Selah) * Romani 12:. 12 Sii lieti nella speranza, pazienti nella tribolazione, fedeli in preghiera"

Una pubblicazione condivisa da Sue Butterworth (@emptyphotoproject) 15 settembre 2017 alle 08:33 PDT

Sui suoi quadri, donne, madri, che hanno anche dovuto affrontare la perdita di un bambino Sul loro ventre, la rappresentazione del vuoto che sentono, una parte di sé che dovrebbe essere lì ma quella vita li ha portati dentro. Ognuna di queste foto è anche un'opportunità per loro di raccontare la loro storia, una delle quali, Kimberly Kaye McIntyre, si rivolge alla figlia che ha chiamato Brittany Dianne, " 27 anni dopo la tua breve vita, lo ricordo ancora come fosse ieri. (…) Non passa giorno che penso a te . "

testimonianze davvero scioccanti che consentono queste madri per sostenere e, soprattutto, per rendersi conto che non sono soli.

Vedi anche: mamange tatuaggio 60 tatuaggio per ricordare un aborto spontaneo o un bambino deceduto

© Pinterest

visualizzato anche: per il giorno del suo primo madre dopo la morte di sua figlia, decide di combattere per le sue convinzioni

Questi ritratti di giovani madri di tutto il mondo sarà sconvolto voi (Foto)

per seguire le notizie, iscriversi alla newsletter ronzio