Altro

Legislativo 2012: Cope dice no alla parità!

#WebTalk 1 L'era della grande menzogna - Mauro Scardovelli, Marco Guzzi, Paolo Maddalena (Luglio 2019).

Anonim

"Mi sono dichiarato colpevole di rimpianto, è stato un arbitrato che dovevamo fare ed era difficile. Con queste parole Jean-Francois Copé , Segretario Generale dell'UMP, ha commentato la decisione del suo partito di non rispettare la legge sulla parità, che impone alle parti Politici francesi per presentare un numero uguale di uomini e donne alle elezioni legislative.

Infatti, UMP proporrà meno del 30% delle donne tra i suoi candidati alla delegazione. Prendendo questa decisione, il partito di destra spera di vincere più seggi possibili. "Tutti devono capire che ai nostri tempi, abbiamo assolutamente bisogno di avere il numero massimo di MP e che questo significa il peso, le radici locali di molti di noi" , ha detto Jean-François Cope . L'UMP dovrà pagare una multa che potrebbe ammontare a diversi milioni di euro.

Marie-Jo Zimmerman , segretario nazionale incaricato dei diritti delle donne all'UMP e MP per Moselle, si rammarica che il suo partito non abbia affrontato la sfida del parità e deplora "una mancanza di volontà di portare le donne nelle sfere del potere. Eppure questo rappresenta un equilibrio necessario ". Mentre in Francia le donne rappresentano il 52% della popolazione, sono meno del 20% a sedere all'Assemblea nazionale. Una figura che non è pronta ad aumentare il giudizio sulla strategia dell'UMP. Perché se la discussione sull'ancoraggio locale dei candidati può essere ascoltata, sarà necessario iniziare un giorno per ancorare i candidati nelle circoscrizioni …