Altro

Léa Salameh: "La mia forza, il lavoro 80%, 10% e il 10% di abilità fortuna"

The Vietnam War: Reasons for Failure - Why the U.S. Lost (Luglio 2019).

Anonim

Negli ultimi anni, Lea Salame spiccava brillantemente. In televisione, prima su France 24 e co-presentazione del programma di "Elysium 2012" su i-Tele Michel Dumoret di recente ad integrare la squadra in Lawrence Ruquier "Non siamo sdraiato "trasmesso su France 2. Parallelamente, è al fianco di Patrick Cohen su France Inter a condurre con pugnacità" L'intervista di 7:50 ". Ma qual è la ricetta per il successo? " 80% di lavoro, 10% di talento e 10% di probabilità ".

Un mix intelligente che le è valso il titolo di Woman in Gold 2015 nella categoria media alla presentazione dei trofei in Avoriaz.

© Fabrice Aygale

Un orgoglio

Se in un primo momento, il giornalista era un po 'scettico circa l'idea di un premio femminile al 100%, che lei non ama le cappelle, rimane orgoglioso e felice di ricevere questo trofeo. " a lottare per i nostri anziani hanno spianato la strada. le ragazze della mia generazione, riteniamo che il lavoro è fatto ed è più facile, ma niente di n non è fatto … Resta che gli uomini alla pari guadagnano il 25% in più delle donne, c'è ancora questo soffitto di vetro che significa che nei consigli di amministrazione non c'è quasi le donne, rimane in televisione, ci sono donne, ma sono ruoli e posti secondari. Un premio che celebra le donne in diverse aree, quindi penso che sia grande. "

"Giornalismo, posso solo farlo"

Nato a Beirut, Léa Salamé è fuggito dalla guerra quando aveva 5 anni. Presente negli attacchi del World Trade Center, vede il giornalismo come ovvio. " Penso che mi piaccia toccare gli alti e bassi della storia. che, a testimoniare questi momenti. giornalismo, so di non farlo. "

il suo ricordo più bello di colloquio?" ho molti, ma per parlare del passato . Questa è la prima volta che ho fatto il signor Sarkozy. sto facendo interviste tutti i giorni, non ho paura, almeno meno. per Sarkozy, avevo paura. E 'difficile con i giornalisti, quando non gli piace scalper. "Alla fine, Léa Salamé ha lavorato molto ed è stata abbastanza contenta di questa intervista, una vera sfida per lei.

Arrivando a France Inter, il giornalista aveva due sogni, intervistando Gerard Depardieu e Vincent Cassel, era in grado di fare entrambe le cose. Il prossimo passo, il papa! In ogni caso, la sta aspettando negli studi di France Inter.

Parlando con lui della posizione della donna in televisione, non è pessimista.In questo ambiente spesso considerato sessista, Léa Salamé indica le regole del CSA che impone il massimo della rappresentazione delle donne. Penso davvero che sia una possibilità essere una donna in televisione. Riguardo, Laurent Ruquier era alla ricerca di una donna, non voglio essere un decaduto perché ci sono progressi, 20 anni fa, abbiamo scelto un bimbo per il tempo, oggi l'immagine delle donne sta cambiando. "

Trova Léa Salamé, ogni mattina alle 7:50 su France Inter e sabato sul set di" We're not lying down ".

I 13 vincitori della cerimonia del Trofeo d'oro femminile

Leggi anche su aufeminin:

- Women in Gold 2015: i vincitori della 23esima edizione!

- Le donne influenti del mondo

- I "muppies": chi sono queste nuove superdonne?

e la nostra sezione Donne in oro