Altro

L'omeopatia è davvero efficace?

Cos'è davvero l'omeopatia? (Luglio 2019).

Anonim

In un rapporto del Consiglio nazionale sulla salute e la ricerca medica pubblicato sul suo sito web la settimana scorsa, l'efficacia dell'omeopatia viene semplicemente negata. Questa organizzazione di ricerca, la più grande d'Australia, esaminò 225 diversi studi e arrivò a questa conclusione. Un risultato schiacciante quando sappiamo che, secondo un'indagine Ipsos effettuata nel 2012, 56% del ricorso francese a questa medicina, cioè 27 milioni di persone .

Questi studi sono stati condotti su 65 malattie in totale. Tra i pazienti, un gruppo era stato trattato con l'omeopatia, l'altro con un farmaco (la cui efficacia è stata dimostrata) o con un placebo. Dopo l'analisi, i ricercatori hanno concluso che non c'era "nessuna evidenza dell'efficacia di questo medicinale sulla salute" , come possiamo leggere nel rapporto.

Questa ricerca è stata persino criticata dagli scienziati australiani come "poveri" perché il numero di partecipanti era troppo piccolo. Secondo loro, il modo in cui sono stati condotti non consente loro di misurare l'efficacia di questa alternativa e non dimostra che è "più efficace di un placebo". La loro conclusione forse non è categorica e apre la porta ad altri studi più ampi.

Omeopatia inefficace, ma …

Dopo questi risultati, il consiglio australiano afferma che, se non cura nulla, non è in alcun modo innocuo, da un punto di vista psicologico più fisiologico L'omeopatia non deve essere utilizzata per il trattamento di malattie croniche, gravi o potenzialmente letali e può persino essere pericolosa se un individuo rifiuta o rifiuta trattamenti efficaci. è stato dimostrato ".

Cosa scoraggiare molti seguaci sedotti dalla costituzione naturale di queste compresse. Secondo il sondaggio nazionale di Ipsos , i francesi pensano al 39% che questa funzione non possa produrre alcun effetto collaterale. Questo è uno studio che può cambiare alcune opinioni …

Vedi anche: Salute: uno su 10 francese compra i suoi farmaci su Internet

Per non perdere notizie, iscriviti alla newsletter!