Altro

Un 13-year-old riconosce il suo violentatore nella metropolitana e permette il suo arresto

The Long Way Home / Heaven Is in the Sky / I Have Three Heads / Epitaph's Spoon River Anthology (Luglio 2019).

Anonim

Ci è voluto molto coraggio. Ai primi di gennaio, mentre era nella metropolitana di Parigi, a 13 anni, improvvisamente trovato nello stesso treno che uno dei due uomini che hanno violentato e picchiato per diverse ore lo scorso agosto mentre La polizia non ha potuto trovare i loro passi. La ragazza ha dimostrato una compostezza eccezionale e riportati con gli agenti della brigata delle reti ferroviarie che hanno sfidato prima di sostituire gli investigatori Brigata di protezione dei minori (BPM) che sono stato in grado di identificarlo. L'uomo di 38 anni, originario di Essonne e in una situazione irregolare, finì per dare loro il nome del suo complice ed entrambi furono imprigionati.

Una notte di prova

È giunto alla fine di agosto 2016 che l'adolescente per la prima volta ha attraversato la strada del suo boia. Come riferisce Le Parisien, lei era alla Gare du Nord dove doveva prendere un treno per andare a casa dai suoi genitori a Seine-Saint-Denis, ma era un pontile sbagliato. Perso, si era avvicinata a quell'uomo che si era offerto di portarla a casa in macchina. Di fronte alla sua insistenza, aveva finalmente accettato. Una volta a bordo del veicolo, che aveva scusa una deviazione nel 19 ° distretto della capitale di recuperare un amico, ma, sul posto, l'aveva convinto ad entrare nella stanza di una casa.

Fu qui che iniziò il suo calvario, che durò tutta la notte durante la quale fu legata, picchiata e violentata più volte da quest'uomo e da un complice. Uscito di prima mattina, si era confidata con i suoi genitori una volta tornati a casa. La polizia era stata avvertita ed era stata in grado di identificare "diverse impronte digitali di DNA", ma poiché non erano state registrate nel registro nazionale, i perpetratori non potevano essere identificati. Non possono più sfuggire alla giustizia grazie alla loro coraggiosa vittima.

Leggi anche: L'ex schiavo del sesso di Daesh, Lamiya Haji Bashar racconta il suo calvario

Per seguire le notizie, iscriversi alla newsletter ronzio